Per il Sangiovese Superiore Riserva “Le Armi” alla Palazzona di Maggio non abbiamo lasciato nulla al caso.

Il nostro obiettivo è stato, sin dall’inizio, quello di ottenere la massima qualità possibile senza alcun compromesso con il rigoroso rispetto del vitigno e del territorio.

Le Armi deve il suo nome all’antica fontana delle “Armi” che risale al 1200 e dista qualche centinaio di metri dalle nostre vigne.

Il vino viene prodotto solo in determinate annate, quando, grazie a un buon andamento stagionale la vendemmia da il meglio di se.

Le uve di Sangiovese di due diversi cloni provengono dalla parte più alta della Tenuta, il podere Quercia, dove il terreno è principalmente sabbioso e l’altitudine sui 170 metri sul livello del mare.

La densità delle piante per ettaro è elevata, circa 5500, e la potatura a cordone speronato secondo il metodo Simonit e Sirch.

Grazie ad accurate operazioni manuali in inverno e primavera, al diradamento e a un’ulteriore riduzione dei grappoli in maturazione in estate, otteniamo una bassa produzione che si attesta attorno ai 45-50 qli a ettaro, inferiore a un chilo per pianta e uve perfettamente sane.

L’accurata raccolta delle uve avviene manualmente in piccole cassette, generalmente a metà del mese di settembre e comunque quando il nostro Sangiovese è perfettamente maturo.

Una volta giunta in cantina l’uva transita su un nastro a lenta velocità in modo da essere ulteriormente controllata e selezionata eliminando gli acini che presentano anche una minima imperfezione.

Dopo la pigidiraspatura il mosto con le bucce viene messo in fermentazione in vasche di acciaio inox a circa 28°.

La macerazione a temperatura controllata avviene per circa 15-20 giorni con frequenti rimontaggi giornalieri al chiuso a all’aria e delestage.

Nella primavera successiva alla vendemmia, dopo la fermentazione malo- lattica, il vino viene posto in botti di rovere da 500 litri dal 3° al 6° passaggio in modo da favorire la micro ossigenazione senza alterare la tipicità del vino e del territorio.

Dopo un periodo di affinamento che varia dai 24 ai 30 mesi il vino viene imbottigliato senza chiarifica e con una filtrazione molto larga e occorrono poi almeno sei mesi prima che venga messo in vendita.

Le Armi è un vino che esprime il meglio di se dopo una maturazione in bottiglia medio -lunga con una notevole capacità di invecchiamento in bottiglia, dieci anni e ben oltre.

Finalmente, dopo alcuni anni di attesa,

è disponibile l’annata 2016, una vendemmia indimenticabile per il nostro atteso vino di punta.

etichetta le armi palazzona di maggio
0